La nostra struttura è ormai arrivata al XV° anno di attività riscuotendo notevoli successi in campo didattico. In tutti questi anni tante persone si sono rivolte a noi, chi per coltivare semplicemente una passione, chi per intraprendere la professione musicale. Abbiamo fatto in modo di essere un punto di riferimento per ognuno di loro dato che la cosa più importante per noi, oltre alle esigenze dei nostri Associati, è la diffusione della cultura musicale in ogni sua forma e con ogni mezzo possibile.

Abbiamo evitato di "riempire le fila " con nomi e cognomi di collaboratori che poi magari non sono mai presenti, preoccupandoci invece di operare con musicisti certamente valenti ma per i quali la didattica avesse la stessa importanza professionale di tutte le altre loro attività musicali (è notorio che spesso essere degli ottimi musicisti non sempre significa essere buoni didatti). Abbiamo anche evitato di diffondere l' idea che un qualche tipo di attestato, a meno che non sia rilasciato da un istituto parificato o da un conservatorio di musica, possa avere un qualche valore legale o professionale al di là di quello simbolico: non basta un semplice attestato magari rilasciato dopo esami fittizi e senza nessuna coscienza di cosa significhi affrontare prove obbligate e di selezione, per dimostrare la validità professionale e didattica di una struttura.

Siamo lieti che decine di persone abbiano intrapreso il lavoro di musicista sostenendo presso i conservatori di Roma, Pesaro, Perugia, Frosinone, Pescara, etc., gli esami di ammissione, compimento inferiore, diploma di strumento (pianoforte, contrabbasso, sax, violino, viola) oppure di teoria e solfeggio, armonia, Storia della Musica, composizione a cui noi li abbiamo preparati. Alcuni dei nostri attuali collaboratori sono stati a loro volta nostri "allievi", ed ora invece sono musicisti attivissimi e operano con professionalità e passione presso la nostra struttura. E' il caso ad esempio di L. Barberini, D. Bravi, L. Piccinini, L. Primo e tanti altri.

I nostri programmi di lavoro, supportati da prove d' esame periodiche, sono basati su un'esperienza che prevede la conoscenza dei vari indirizzi didattici e professionali adeguati ad ogni singolo strumento e genere musicale, in uso sia nei conservatori che nei centri professionali internazionali con particolare riferimento a quelli d' oltreoceano. Inoltre teniamo fortemente conto dell' aspetto professionale ed anche comportamentale con il quale bisogna affrontare questo mestiere così particolare: infatti non sempre è sufficiente essere bravi musicisti (magari pluridiplomati) ma bisogna anche avere un grande senso del sacrificio, del dovere, tanta pazienza ed umiltà. Quindi per l'anno 2000 non ci prefiggiamo grandi obiettivi se non quello di continuare al meglio nel nostro operato (scusate se è poco…), al fine di conferire sempre più dignità alla divulgazione della cultura e della professione musicale.




Progetto Musica Mazzini 119
V.le Mazzini 119 00195 Roma
tel:06 37 24 255 e-mai:mazzini119@hotmail.com